Le nostre proposte per garantire liquidità ai Comuni

Italia, sindaco di Siracusa: "Liberare le risorse che sono già nella disponibilità dei Comuni".

Le proposte di Azione per garantire ai Comuni la liquidità necessaria - al netto dei trasferimenti che giustamente arriveranno dal Governo - per contrastare gli effetti socio-economici, diretti ed indiretti, della crisi da COVID-19 e compensare le mancate entrate tributarie locali.

Le proposte sono caratterizzate da un comune principio ispiratore: dare ai Comuni gli strumenti per fronteggiare l’emergenza con la responsabilità di rientrare della cassa anticipata nei bilanci d’esercizio successivi, al netto dei trasferimenti dallo Stato centrale.


Proposte:

1. Per il 2020, ridurre dal 95% al 75% la quota di accantonamento al Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità. Questa misura garantirebbe immediatamente risorse significative a ciascun Comune per interventi di supporto quali l’acquisto di connessione internet per le famiglie disagiate alle quali non si applicano le iniziative di "Solidarietà Digitale" promosse dagli operatori privati;

2. Per il 2020, ampliare il vincolo di destinazione del 50% del gettito extra-tributario derivante dalle multe dei vigili ad iniziative a supporto della fasce sociali più colpite dagli effetti economici della crisi COVID-19;

3. Sbloccare gli avanzi destinati del 2020 per la spesa corrente legata al contrasto degli effetti sociali del COVID-19. Per il 2020 proponiamo l’utilizzo di una parte delle risorse dei Comuni genericamente destinate alle spese per investimenti anche per la spesa corrente legata al contrasto degli effetti sociali del COVID-19;

4. Sospendere le rate dei mutui contratti con il Credito Sportivo, una banca pubblica che eroga finanziamenti ai Comuni per la realizzazione di impianti sportivi. In questo momento di difficoltà finanziaria per gli Enti Locali, bisogna concentrare tutte le risorse per i servizi essenziali e per il supporto alle famiglie in difficoltà.