"Sarà l'Europa a gestire gli Eurobond, non i singoli Paesi"

L'intervista di Carlo Calenda a ntv.de: "Siamo a un appuntamento con la storia, non perdiamolo"

Carlo Calenda è stato Ministro dello Sviluppo Economico in Italia ed è ora deputato al Parlamento Europeo. Insieme ad alcuni amministratori locali italiani, ha lanciato un appello agli "amici tedeschi" affinché accettino l'emissione di Eurobond per far fronte alla crisi del Coronavirus. Ora, la richiesta degli Eurobond non è nulla di nuovo, ma è esplicitamente vietata dai Trattati UE al paragrafo 125, affinché nessun Paese possa essere chiamato responsabile per i debiti di un altro. Per aggirare questo divieto, Calenda, che in Italia ha anche fondato il partito europeista "Azione", suggerisce una via speciale in un'intervista a ntv.de.

In un appello urgente avete chiesto l'emissione di Eurobond, ma molti paesi del Nord Europa li rifiutano. Come intendete superare il loro scetticismo?

Carlo Calenda: Non vogliamo che i fondi siano messi a disposizione dei singoli Paesi, ma che siano gestiti direttamente dalla Commissione - che ora è guidata da una tedesca, Ursula von der Leyen. I tedeschi verosimilmente si fideranno di un tedesco.

Siete a conoscenza della cattiva reputazione dell'Italia quando si tratta di gestire le finanze pubbliche. Attraverso "Quota100", ad esempio, che consente di andare in pensione a 60 anni dopo 40 anni di lavoro, 5325 membri del servizio sanitario sono andati in pensione anticipata fino al maggio dell'anno scorso.

Io ho sempre combattuto contro questo provvedimento e contro il cosiddetto reddito di cittadinanza (entrambi erano stati decisi dal precedente governo M5S-Lega; ndr). Quando ero Ministro dello Sviluppo Economico, ho subito elaborato un piano per eliminare tutta una serie di sussidi. D'altra parte, ho dato un forte impulso all'industria attraverso agevolazioni fiscali per l'acquisto di nuove attrezzature. Per inciso, questo ha portato anche i produttori di impianti tedeschi a vendere molto all'Italia. Vengo dal settore, sono stato manager di Ferrari, di Sky: non ho nulla di più lontano dal mio cuore dell'assistenzialismo, con misure pensate male. Mi piace la vera competizione!

Con la proposta degli Eurobond, però, si segue la stessa linea di chi vuole sostanzialmente comunitarizzare l'enorme montagna del debito italiano secondo il motto "le nostre spese - il vostro problema".

Ne sono consapevole. Ma credo che nel nostro appello abbiamo detto con chiarezza che ciò che conta per noi è che la Commissione, che è a guida tedesca, abbia finalmente i mezzi per agire rapidamente e concretamente contro il disastro del Coronavirus. Questo dovrebbe essere nell'interesse anche della Germania. Vogliamo un piano di salvataggio europeo che metta l'Europa su un nuovo livello - in termini sociali, sanitari, politici ed economici. Vorrei tuttavia sottolineare che questo piano non trasferirebbe l'autorità decisionale sulle spese al singolo Paese, ma direttamente alla Commissione. Questo dovrebbe anche alleviare le preoccupazioni di molte persone a nord delle Alpi.

Cosa ne pensa dell'accusa che l'Italia insiste sugli Eurobond perché i mercati finanziari potrebbero non considerarla più solvente dopo la crisi, con un debito pubblico stimato tra il 160 e il 180 percento del PIL?

Non credo che raggiungeremo tale valore. Penso che il PIL diminuirà di circa il 6-9 percento e potremmo anche raggiungere un livello di indebitamento del 150 percento. Ma finora l'Italia ha sempre pagato i suoi debiti e continuerà a farlo. Inoltre, ripeto: gli Eurobond non dovranno confluire nelle casse italiane, se così fosse sarei anche io contro, ma in Europa. Con il nostro appello non vogliamo in nessun modo mutualizzare i debiti nazionali, piuttosto rendere l'Europa in grado di agire.

C'è un'altra critica nella sua lettera: il riferimento al London Debt Agreement, nel quale l’Italia ha annullato il 50 % dei debiti della seconda guerra mondiale della Germania . In effetti, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia in Germania hanno parzialmente rinunciato ai loro reclami prima del 1933 e hanno concesso un grande sconto sul rimborso degli aiuti per la ricostruzione dal Piano Marshall che, per inciso, si applicava anche all'Italia.

È fatto innegabile che fu l'accordo del 1953 che permise a un Paese che era caduto a terra, dopo la guerra che lei stessa ha iniziato, di rimettersi in piedi: i finanziatori ridussero il debito generosamente del 50 percento e il rimborso è stato estremamente esteso. All’epoca era la decisione giusta, perché solo così la Germania poteva di nuovo crescere e diventare un grande Paese e prosperare.

Vogliamo solamente ricordare che in quel caso la Germania è stata sostenuta e che oggi in Europa c'è un altro appuntamento con la stori. Non perdiamolo. Altrimenti l'Europa andrà in frantumi.

 

Intervista di Udo Gumpel, versione originale sul sito di ntv qui