Crollo dei consumi agroalimentari a Natale, il Governo agisca subito

Madeo: "Ora è necessario incrementare le esportazioni dei prodotti alimentari italiani, aprendo nuovi mercati alle nostre aziende".

"Natale in negativo per il settore agroalimentare: nei due giorni più significativi delle festività, 24 e 25 dicembre, si è registrato un calo dei consumi dei prodotti agroalimentari del 31%, rispetto al 2019. E' ora che il Governo, e in particolare il ministro Bellanova, adotti una strategia complessiva per valorizzare le esportazioni dei prodotti di un settore che rappresenta la seconda filiera economica del Paese dopo l'industria metalmeccanica".

"Le limitazioni nei festeggiamenti imposte dalla pandemia, la chiusura delle frontiere inglesi che da sola è costata alla filiera agroalimentare italiana, in 48 ore, 9,8 milioni di euro, e l'incertezza per i mesi futuri hanno penalizzato il “Made in Italy”, da sempre conosciuto e apprezzato nel mondo, per la sua sicurezza alimentare e qualità".

"Ora è necessario incrementare le esportazioni dei prodotti alimentari italiani, aprendo nuovi mercati alle nostre aziende, perché non possiamo dipendere ancora dagli storici alleati commerciali europei. Non servono contributi a pioggia ma rispetto delle regole e tutela dei prodotti italiani, come fanno gli altri governi europei, e una strategia di lungo periodo che coinvolga i rappresentanti del settore agroalimentare".

Francesco Madeo, responsabile Agricoltura