Si metta fine agli abusi di potere e alle violenze ai danni delle donne

Centioni: "Dalle Istituzioni ci aspettiamo una prova di responsabilità e misure concrete."

I casi di violenza contro le donne hanno raggiunto un numero intollerabile. Sempre più spesso i media li banalizzano come fossero semplici fatti di cronaca o, a volte, quasi prendono le difese del carnefice, mettendo in dubbio le testimonianze delle sopravvissute. 

“Per mettere fine agli abusi di potere e alle violenze ai danni delle donne è necessario mantenere viva la rete di assistenza sociale dei centri antiviolenza, ma soprattutto adottare politiche pubbliche indirizzate a garantire la condivisione paritaria delle responsabilità famigliari, a rafforzare l’autonomia economica delle donne e la loro presenza nei luoghi decisionali. Purtroppo, nella proposta della legge di bilancio, pur notando miglioramenti, ci sono più bonus che misure concrete a sostegno delle donne. Serve un cambio culturale e di passo e maggiore attenzione dalle Istituzioni da cui ci aspettiamo una prova di responsabilità”.

Alessia Centioni, responsabile pari opportunità di Azione.

 

2X1000