Il triste nascondino dei partiti referendari

Il PD fa finta di decidere democraticamente, ma era già iscritto tra i soggetti favorevoli al taglio dei parlamentari.

L'AGCOM pubblica, a fini par condicio, l'elenco dei partiti e comitati favorevoli e contrari al taglio dei parlamentari. Chiara la posizione Azione, +EU e Verdi che sono contrari, e del M5S che ovviamente è a favore. Il resto del quadro è desolante:


- Chi fa finta di decidere democraticamente: Il PD formalmente ha votato oggi in direzione, ma si era iscritto tra i soggetti favorevoli da più di un mese, anche se diserta i dibattiti TV. Normale, per chi vota tre volte contro e si sposta sul sì solo all'ultimo voto del parlamento.


- Chi dice di votare sì, ma si nasconde: Lega e Fratelli d'Italia sui social dicono di essere per il Sì, ma non all'AGCOM, perché in tv a difendere questa riforma orrenda preferiscono non andarci.


- Chi si nasconde e basta: Forza Italia, Italia Viva e LeU, che hanno votato la legge, ma oggi, a danno quasi fatto, danno libertà di voto e pure loro in TV non ci vogliono andare.